Iscritta nel Registro degli Organismi di Mediazione con P.D.G. n. 637 P del 3/11/2011
• Iscritta nel Registro degli Enti di Formazione del Ministero della Giustizia con P.D.G. n. 233 del 24/11/2011

 

SPESE DI AVVIO: € 40,00 + IVA

Tabella corrispondente a quella di cui al DL 180/2010
(da applicarsi alle mediazioni obbligatorie).

VALORE DELLA LITE

SPESE PER CIASCUNA PARTE
• Fino a € 1.000,00 € 65,00
• Da € 1.001 a € 5.000,00 € 130,00
• Da € 5.001 a € 10.000,00 € 240,00
• Da € 10.001,00 a € 25.000,00 € 360,00
• Da € 25.001,00 a € 50.000,00 € 600,00
• Da € 50.001,00 a € 250.000,00 € 1.000,00
• Da € 250.001,00 a € 500.00,00 € 2.000,00
• Da € 500.001,00 a € 2.500.000,00 € 3.800,00
• Da € 2.500.001,00 a € 5.000.000,00 € 5.200,00
• Oltre € 5.000.000,00 € 9.200,00

 

Tabella liberamente determinata
(da applicarsi alle mediazioni facoltative).

VALORE DELLA LITE

SPESE PER CIASCUNA PARTE
• Fino a € 1.000,00 € 126,05
• Da € 1.001 a € 5.000,00 € 200,00
• Da € 5.001 a € 10.000,00 € 335,00
• Da € 10.001,00 a € 25.000,00 € 480,00
• Da € 25.001,00 a € 50.000,00 € 770,00
• Da € 50.001,00 a € 250.000,00 € 1.255,00
• Da € 250.001,00 a € 500.00,00 € 2.465,00
• Da € 500.001,00 a € 2.500.000,00 € 4.644,40
• Da € 2.500.001,00 a € 5.000.000,00 € 6.335,00
• Oltre € 5.000.000,00 € 11.175,00

 

Le spese della tabella si riferiscono alla singola parte e pertanto vanno moltiplicate per il numero delle parti; ad esse va aggiunta la somma di Euro 40 + iva per parte, per l’avvio del procedimento.

La mediazione è gratuita per i soggetti che nel processo beneficiano del gratuito patrocinio: in tal caso all’organismo di mediazione non è dovuta alcuna indennità.

1) L’indennità comprende le spese di avvio del procedimento e le spese di mediazione.

2) Il valore della lite è indicato nella domanda di mediazione a norma del codice di procedura civile.

3) Qualora il valore risulti indeterminato, indeterminabile, o vi sia una notevole divergenza tra le parti sulla stima, il valore viene deciso in base ai criteri di cui alla normativa vigente e lo si comunica alle parti. Qualora all’esito del procedimento di Mediazione il valore risulti diverso, l’importo dell’indennità è dovuto secondo il corrispondente scaglione di riferimento.

4) Le spese di mediazione comprendono anche l’onorario del mediatore per l’intero procedimento di mediazione, indipendentemente dal numero di incontri svolti. Esse rimangono fisse anche nel caso di mutamento del mediatore nel corso del procedimento ovvero di nomina di un collegio di mediatori, di nomina di uno o più mediatori ausiliari, ovvero di nomina di un diverso mediatore per la formulazione della proposta ai sensi dell’articolo 11 del decreto legislativo 28/2010.

5) Ai fini della corresponsione dell’indennità, quando più soggetti rappresentano un unico centro d’interessi si considerano come un’unica parte.

 

L'INDENNITA COMPLESSIVA PER CIASCUNA PARTE COMPRENDE:

• Spese di avvio della procedura:

Le spese di avvio della procedura, pari a € 40,00 + iva(a valere sull’indennità complessiva) devono essere versate al momento del deposito dell’istanza di Mediazione per la parte istante e al momento dell’adesione al procedimento per la parte convocata, e sono da considerarsi condizione per l’avvio della procedura. Tutte le parti dovranno inviare copia del bonifico effettuato.

• Spese di mediazione:

Le spese di Mediazione includono le spese di amministrazione del procedimento e gli onorari del mediatore per la preparazione e la gestione della procedura di Mediazione.

• Aumento delle spese di mediazione:

In base alle disposizioni di cui all’art. 16, comma 4, D.M. 180/2010, l'importo massimo delle spese di Mediazione per ciascun scaglione di riferimento:

a) Sarà aumentato di un quinto, in considerazione della particolare complessità o difficoltà della Mediazione.

b) Dovrà essere aumentato di un quarto, in caso di successo della Mediazione.

c) Dovrà essere aumentato di un quinto, nel caso di formulazione della proposta da parte del mediatore, ai sensi dell'art. 11 del D. Lgs. 28/2010. Tuttavia, nelle materie di cui all’art. 5, comma 1, del d. Lgs. 28/2010, nel caso di formulazione della proposta da parte del mediatore non si procederà a tale suddetto aumento.

• Riduzione delle spese di mediazione:

Quando nessuna delle controparti di quella che ha introdotto la Mediazione partecipa al procedimento, le spese di Mediazione della parte che ha prodotto istanza di Mediazione sono ridotte a euro 48,00 per il primo scaglione e ad euro 60,00 per tutti gli altri scaglioni, fermo restando il pagamento delle spese di avvio del procedimento di euro 40,00 e fermo restando l’aumento di un quinto nel caso di formulazione della proposta ai sensi dell’articolo 11 del D. Lgs. 28/2010.

• Spese vive ed aumenti di legge:

1) Tutte le spese vive che non sono previste dall’art. 16 del DM n. 180/2010 devono considerarsi come aggiuntive rispetto alle tabelle delle indennità e sono a carico delle parti.

2) Gli eventuali aumenti di legge e gli eventuali aumenti dovuti a variazioni che il valore della lite possa subire, così come tutte le spese vive sostenute da MINERVA SAPIENS, dovranno essere versate improrogabilmente al termine della procedura e sono condizione essenziale per il rilascio del verbale positivo o negativo di conciliazione.

© Minerva Sapiens S.r.l. unipersonale - Sede Legale: P.zza dei Navigatori 22D - Centro di Alta Formazione: P.zza dei Navigatori 8H
Sedi per la Mediazione: Via G.A.Sartorio 79 - 00147 Roma / Palazzo Mastini, Corso Vittorio Emanuele, 59 - 01010 - Barbarano Romano (VT)
formazione@minervasapiens.it - mediazione-civile@minervasapiens.it • Tel/Fax: +39 06 5128484/ 51600039
C.F. e P.I. 08149421003 Iscr. alla C.C.I.A.A. di Roma n° 1077061